Ottobre 26, 2021

Virus e malware: come riconoscerli e proteggersi

L’aumento di attacchi informatici nel 2020 è piuttosto allarmante. Si parla addirittura di un incremento del 353%. Ecco perché, per proteggere i propri dati, è fondamentale riconoscere i principali tipi di malware più pericolosi e sapere come proteggersi.

Una delle priorità di qualsiasi professionista che lavora con computer connessi alla rete è quella di avere un buon sistema di protezione per evitare di prendere un virus informatico.

Cosa sono i virus e come agiscono?

I virus informatici possono essere paragonati a dei software pensati appositamente per arrecare danno eseguendo operazioni specifiche. Grazie ad un pacchetto di istruzioni o una porzione di codice che si insinua sul vostro dispositivo sono in grado di recuperare dati o danneggiare file. Hanno anche la caratteristica di essere in grado di replicarsi infettando tutti i dispositivi connessi alla rete. 

Ecco perché è fondamentale sapersi affidare e professionisti come privacylab in grado di proteggere i tuoi dati e la tua privacy

Ramsomware, il ricattano tramite PC

Il Ramsomware è un virus con un funzionamento molto particolare: codifica i file del computer (ma anche tablet o smartphone) e, una volta criptato, non vi consente di avere più accesso a documenti, file o programmi. 

Una volta che il vostro computer viene infettato vi ritroverete un messaggio di riscatto. In pratica vi verrà chiesto di pagare (solitamente in Bitcoin) per avere nuovamente accesso ai vostri dati. C’è da precisare che, anche pagando il riscatto, non avrete alcuna garanzia che i vostri dati verranno effettivamente sbloccati. Molto meglio avere sempre a disposizione una copia di backup in modo da poter rimediare.

Spiati dagli hacker tramite Spyware

Gli Spyware sono una tipologia di malware piuttosto subdola. Visto che rubare le password non è più così semplice grazie all’introduzione dei sistemi crittografati, sono stati pensati per spiare tutto quello che fate con il vostro computer e riuscire a risalire alle vostre password ed ai vostri dati di accesso. È importante avere sempre installato un buon antivirus aggiornato.

Trojan e come evitarli

I Trojan sono una tipologia di virus che si installano sul vostro computer e restano in attesa di essere attivati. Sono in grado di eliminare dati importanti, installare backdoor per facilitare l’accesso agli hacker, danneggiare file, installare altri malware o spiare i movimenti di banking online.

Per difendersi è importante evitare di scaricare documenti poco sicuri o dall’origine sconosciuta. Avere un buon anti-virus è fondamentale.

Come evitare i worm informatici

I worms sono una tipologia di malware in grado di infettare un computer per poi replicarsi infettando tutti i dispositivi collegati alla rete WiFi. Ma non solo! Sono anche in grado di prendere possesso della vostra mail ed auto inviarsi a tutta la rubrica. Ma come riconoscere se il nostro PC è stato infettato da un virus? Ecco i principali sintomi che devono farci allarmare:

  • Improvviso rallentamento del computer
  • Meno spazio su hard-disk;
  • Impossibilità di accedere a file o documenti
  • Scomparsa di file
  • Navigazione in Internet lenta con finestre che si aprono a caso
  • Messaggi di errore sul desktop
  • Programmi che si chiudono inaspettatamente

I virus informatici

Il primo virus informatico in assoluto è nato addirittura nel 1971. Si chiamava Creeper. Qualche anno dopo, era il 1986, si diffuse un virus informatico che aveva l’obbiettivo di infettare i floppy disk. Si chiamava virus Brain e riuscì a creare non pochi disagi.

Leggere di virus per floppy disk oggi fa quasi sorridere ma c’è poco di cui essere allegri! Dagli anni ’80 i virus si sono evoluti e sono anche cresciuti in numero. Anche gli intenti per cui vengono creati sono mutati adeguandosi ai tempi moderni. 

Se inizialmente venivano creati come mero esercizio di stile da parte di hacker che volevano solo creare problemi agli utilizzatori dei computer, oggi il loro scopo è quello ben più preoccupante di rubare dati sensibili.

Comments

comments