Archivio della categoria: Salute e bellezza

Impianti dentali: quali sono le città più convenienti?

In questi ultimi anni c’è un forte interesse mediatico da parte dei pazienti, soprattutto di quelli di una certa età, per gli impianti dentali. Sono degli interventi odontoiatrici in cui si cerca di riparare alla mancanza di un dente inserendone in bocca uno appositamente creato, composto da una radice e da una corona, che per funzionalità e per estetica è praticamente uguale da un dente naturale.

Una soluzione molto interessante, se non che per avere, in pratica, un dente come nuovo dobbiamo necessariamente spendere, perché considerando i prezzi dei materiali e il lavoro del dentista e dei suoi assistenti (si parla comunque di un intervento chirurgico) i costi sono piuttosto alti.

Questo non significa, però, che non si possa risparmiare: i prezzi variano molto da dentista a dentista, ma anche da città a città; in questa lista abbiamo preso spunto da una ricerca effettuata qualche anno fa per capire quali sono le città più convenienti e quelle più costose, in Italia, in cui richiedere un impianto dentale.

Se vogliamo mettere un impianto dentale, la città che si è rivelata mediamente meno costosa è Torino. Certo, il risparmio non è così alto rispetto a tutte le altre città, ma si possono risparmiare comunque circa 100 euro rispetto alla media nazionale, e visto che parliamo di una media di circa 1200 euro per impianto (considerando solo la radice, cioè l’impianto vero e proprio a cui va aggiunto il costo della corona) non è male. Si risparmia, quindi, all’incirca l’8%.

Per gli impianti dentali Roma si rivela invece una città paradossale. Il prezzo medio è più alto rispetto a quello di Torino, quindi si assesta intorno alla media nazionale che abbiamo già citato, ma allo stesso tempo i prezzi minimi e i prezzi massimi sono molto variabili tra loro: ci sono dentisti che hanno chiesto solamente 720 euro per un impianto, che è veramente poco, ma allo stesso tempo ce ne sono altri che ne hanno chiesti addirittura 2200: un prezzo che, in base alla media nazionale, può tranquillamente comprendere anche la corona, e non solo la radice dell’impianto.

Questo ci fa pensare che ci siano molte differenze tra i singoli studi odontoiatrici, e che se chi vive a Roma è disposto a cercare può arrivare ad avere prezzi molto convenienti rispetto a quelli proposti da altri dentisti della capitale. Insomma, bisogna cercare bene.

Seguono poi le città di Milano, Napoli e Bologna, che superano anche se di poco la media nazionale, con picchi verso l’alto e verso il basso che non sono particolarmente elevati.

La città invece più costosa per gli impianti si è rivelata essere una città che, se considerata nell’ambito della stessa ricerca per tutte le prestazioni odontoiatriche e non solo per l’impianto, si è rivelata una delle meno costose: parliamo di Bari, dove il costo medio per l’impianto supera di ben 150 euro quello della media nazionale. Certo, anche qui la variabilità è altissima (inferiore però rispetto a quella di Roma) per cui l’importante è cercare bene per poter spuntare il prezzo migliore possibile, ma i cittadini di Bari forse farebbero meglio a pensare di spostarsi: in fondo, andare in una città vicina permette di risparmiare sul costo dell’impianto più di quanto si spenderebbe per il non volersi spostare da casa.

Per risparmiare e trovare allo stesso tempo dei prezzi molto competitivi vi consigliamo di contattare i professionisti di Dentista.tv. Andate sul sito i loro servizi e fissate un appuntamento nelle sedi delle città dove sono presenti.

Ecco il sito: http://www.dentista.tv/

 

Eleganza e seduzione in pochi istanti con il fai-date: la treccia a cuore

Quando i nostri capelli sono disordinati, scarmigliati, o semplicemente un po’ troppo grassi perchè magari non abbiamo il tempo per uno shampoo, una soluzione semplice e veloce per acconciarli dando alla nostra chioma un tocco chic, è la semplice e classica treccia.

La treccia è un’acconciatura del tutto fai da te, adatta per cominciare anche a chi non è proprio del mestiere, ottima quando si ha poco tempo, ma si vuole ugualmente mostrare una capigliatura ordinata e con un tocco di eleganza. Esistono diverse varianti della treccia: oggi ne vogliamo proporre una dal sapore romantico e sofisticato, dalla sinuosa forma a cuore, perfetta tanto per tutti i giorni, quanto per le occasioni speciali come serate e ricevimenti.

Iniziamo pettinando per bene tutti i capelli, assicurandoci di aver districato accuratamente tutti i nodi, e procediamo poi a suddividerli in due parti, la cui simmetria sarà determinata dalla naturale riga centrale del nostro scalpo.

Afferriamo quindi una delle due parti e con un pettine prendiamo la parte superiore dei capelli per formare la curva a forma di cuore, fermandola dietro l’orecchio. Assicuriamo questa ciocca con una pinza e procediamo e comporre una treccia, del tipo che preferiamo, partendo dalla radice dove abbiamo fatto la curvatura. Continuiamo a comporre la treccia vicino all’orecchio e quando ne avremo raggiunto la parte superiore, inseriamo i capelli dietro quest’ultimo. A questo punto continuiamo a intrecciare fino alla nuca, bloccando infine tutto con una pinza.

Ripetiamo tutta l’operazione anche con l’altra metà dei capelli fermandoci sempre all’altezza della nuca. Terminata quindi anche l’altra metà dei capelli, prendiamo le tre ciocche della treccia sinistra e le tre ciocche della treccia destra ed uniamole insieme, in modo da creare un effetto tale da sembrare che la treccia sia in realtà una sola composta da tre ciocche: dobbiamo quindi incominciare partendo da una porzione intermedia, e non operare per tutta la sua lunghezza.

Finiti questi passaggi possiamo finalmente chiudere la treccia e dargli l’effetto che più ci aggrada.

Questi passaggi potrebbero intimorire, perchè possono sembrare difficili, ma in realtà basta un po’ di pratica, e con la giusta manualità ci ritroveremo a comporre in un batter d’occhio questa splendida acconciatura, dal gusto romantico, vintage e un po’ retrò.

Mal di Schiena: come curarsi naturalmente

Oli Naturali per Curare il Mal di Schiena

La zona lombare, come quella cervicale, è uno dei punti della schiena su cui ‘pesa’ il corpo, di cui deve ammortizzare pesi e tensioni. Questa continua pressione a cui è sottoposta, oltre alle cattive posture, tra cui ad esempio l’abitudine di accavallare le gambe o indossare tacchi molto alti, è la principale causa della lombo-sciatalgia, un’infiammazione delle vertebre sacro – coccigee e lombari, molto diffusa.

I sintomi più comuni

A seconda della parte della schiena interessata dall’infiammazione, il dolore può presentarsi nella zona lombare, dorsale o cervicale. Le cause di questa infiammazione possono essere diverse; può nascere in seguito alla contrattura dei muscoli che muovono la colonna vertebrale, a posture scorrette, ad infortuni o addirittura a mal occlusione dentale. Favoriscono l’insorgere del mal di schiena anche l’ernia del disco, l’artrite, l’osteoporosi, la scoliosi e la sciatica, malattie polmonari o disturbi ginecologici. Se il vostro mal di schiena invece è il tipico ‘colpo della strega’ probabilmente la causa è da ricercarsi in un movimento di estensione del tronco improvviso, magari sollevando un peso da terra; in quel caso oltre al dolore, subentra anche la difficoltà di rimettersi in posizione eretta. Per qualunque tipo di mal di schiena il migliori rimedio è senza dubbio il riposo, utilizzando una borsa dell’acqua calda sulla parte dolorante, per diminuire la sensazione di dolore.

Rimedi naturali

Esistono poi vari rimedi naturali per alleviare i sintomi del mal di schiena; la fitoterapia propone una tintura di artiglio del diavolo per un’azione antinfiammatoria, o tintura di passiflora per un’azione sedativa; l’aromaterapia invece suggerisce un massaggio sulla parte dolorante eseguito con olio essenziale di chiodi di garofano, che ha un’azione riscaldante ed antidolorifica. La posologia prevede di aggiungere 4 o 5 gocce di olio in un bicchierino di olio di semi di sesamo o di germe di grano e mescolare, fino a formare un unguento. L’omeopatia infine per calmare il dolore offre due rimedi; Bryonia o Rhus toxicodendron.

La nails art spopola sul piccolo schermo

 

Negli ultimi tempi sul piccolo schermo è aumentato il numero delle donne dello spettacolo che si presentano con le unghie ricostruite nei modi più impensabili, a partire dai colori più sgargianti fino ad arrivare alle forme più strane. Questo è uno dei segnali di quanto la pratica della nails art stia raggiungendo sempre più popolarità, con le più accanite fan del mondo dello spettacolo che fanno di tutto per seguire la moda dei loro personaggi preferiti.
Una delle tecniche per la ricostruzione delle unghie preferite dalle donne più famose sembra essere quella che prevede l’utilizzo dello smalto semipermanente, una tipologia di smalto che sembra perfettamente uguale a quello classico, e che si stende sull’unghia esattamente allo stesso modo, ma che va fatto asciugare con l’ausilio di una lampada ad ultravioletti, per un durata che nei casi migliori è di tre settimane, nelle quali è difficilissimo da scalfire.
Questo genere di smalto sembra riscuotere un notevole successo tra le donne, considerato soprattutto che si pone esattamente nel mezzo tra una ricostruzione in piena regola ed una manicure con semplice smalto. Oltretutto oggi si possono sfruttare le risorse del web per evitare spese eccessive, infatti non è difficile trovare online offerte smalto semipermanente molto interessanti, che permettono di acquistare prodotti di prima qualità a prezzi più bassi di quelli che si troverebbero in un negozio fisico.
La nail art fa capolino in televisione anche quando si assiste ad un evento sportivo, infatti ai più attenti non sarà sicuramente sfuggito che molte atlete agli ultimi mondiali di atletica si sono presentate sui vari campi di gara con le unghie ricostruite, alcune portavano disegni che rappresentavano la bandiera della propria nazione, mentre altre sfoggiavano unghie con forme particolari e decorazioni uniche.
Fare questo genere di decorazioni con il solo smalto semipermanente è molto difficile, ecco perché in questi casi bisognerebbe ricorrere ad una ricostruzione in gel, tecnica che si riesce facilmente a riprodurre anche tra le mura di casa. Infatti per fare una buona ricostruzione in gel bastano i prodotti giusti, una lampada a ultravioletti, una buona manualità ed una buona dose di fantasia, utile per inventare forme e decori da prima pagina.
Infatti la difficoltà maggiore nell’utilizzo del gel sta nel riuscire a stenderlo nel migliore dei modi, per poi lavorarlo in modo tale da far raggiungere all’unghia la forma desiderata. Questa è la fase più delicata, anche perché, una volta polimerizzato con la lampada uv, il gel diventa difficilissimo da togliere, per cui bisogna essere assolutamente sicuri del lavoro concluso.
Il fatto che in tv appaiano sempre più donne con le unghie ricostruite può anche fungere da spunto per trovare una forma oppure un decoro particolare che si possa riprodurre senza dover per forza ricorrere ad un centro estetico, un modo per poter accendere la propria fantasia e riversarla sopra uno degli strumenti di seduzione più utilizzato nei secoli dalle donne.
Grazie alla donne della televisione la nails art ha aumentato la sua popolarità, e sempre più donne ricorrono alla ricostruzione delle unghie nella vita normale, un modo simpatico per sentirsi per qualche tempo come una vera e propria vip dello spettacolo.

Cura calvizie, il vademecum

 

Sono davvero molti, e peraltro in crescente diffusione, gli uomini e le donne italiane che soffrono di calvizie.
Partendo dal presupposto che questo può rivelarsi un disturbo di origine genetico/ormonale (alopecia androgenetica), le altre cause che possono scatenare la calvizie sono per lo più ricercabili nei motivi psicologici, alimentari, e nell’utilizzo di medicinali o cosmetici non graditi dal nostro organismo.
Vediamo quindi sinteticamente quali sono le principali cure che possono essere prese in considerazione, ben adattabili ad ogni tipo di calvizie (qualunque sia la causa che l’ha originata).
Soluzioni naturali – Per quanto riguarda i rimedi naturali facilmente preparabili in casa troviamo l’olio di mandorle, l’olio di ricino, la cannella, l’uva spinta indiana, il miele, la cagliata e la canfora, il fieno greco, le foglie di curry, l’olio di bhringaraj ed il melone bianco.
Su ciascuno di questi principi attivi è possibile dar vita ad una lozione (o trovarla già pronta per l’acquisto) in grado di spingere la crescita dei capelli e di rinforzarne la struttura. Queste appena elencate, inoltre, sono ottime soluzioni per igienizzare il proprio cuoio capelluto.
Il piatto giusto – Altro fattore molto importante: tenere sotto controllo il proprio regime alimentare! I cibi che vengono consigliati a quanti soffrono di caduta dei capelli sono le insalate, frutta e cereali, pesce, pollo (magari cotto al vapore), e tutte quelle pietanze ricche di vitamina E.
La cura della bellezza – Quando ci si trova dinanzi ad uno specchio, intenti a prendersi cura della propria estetica, è opportuno utilizzare shampoo con pH variabile da 4.5 a 7, detergere i capelli con delicatezza, evitare le tinte e la pettinatura dei capelli quando questi sono ancora bagnati.
Soluzioni… invasive – Altri trattamenti prevedono infine la presa in considerazione delle terapie tricologiche, delle tecniche PRP, degli interventi laser e ad Alta Frequenza, o addirittura il ricorso al trapianto di capelli.
Occhio allo stress! – Ma è indubbio che indipendentemente dai rimedi utilizzati, il nemico numero uno della calvizie sia il cosiddetto “fattore psicologico”: lo stress è all’origine di questo disturbo, e non preoccuparsi di prevenirne l’affiorare significa non voler risolvere la vera radice del problema.

Il Kamasutra: tutt’altro che posizioni

 

Il Kamasutra è considerato come l’opera più importante mai scritta nella letteratura sanscrita sull’amore.
Nell’immaginario comune del nostro paese, e non solo, questo antico testo indiano non è altro che una guida alle più diverse posizioni sessuali ma in realtà chi lo ha letto sa benissimo che queste occupano solo il 20% del libro. Infatti le posizioni del Kamasutra sono integrate in un contesto molto più grande che va ad analizzare molteplici aspetti della vita di coppia e i ruoli di uomo e donna in quest’ultima.
Il Kamasutra è composto da 7 sezioni per un totale di 36 capitoli:

  1. Introduzione: va ad analizzare in generale come un cittadino dovrebbe rapportarsi alla società e quali sono le cure fisiche e spirituali che dovrebbe concedersi. Inoltre viene sottolineato come bisognerebbe sempre impegnarsi ad apprendere gli insegnamenti a seconda della fase di vita in cui ci si ritrova. La sezione continua analizzando diversi tipi di donna che un uomo può frequentare e che ruolo ognuna di essa dovrebbe svolgere nella sua vita.
  2. Unione Sessuale: è questa l’unica sezione dedicata alle posizioni sessuali e dunque all’atto in sé per sé. Divisa in 10 capitoli qui si vanno ad analizzare i differenti momenti che fanno parte dell’unione sessuale con un’analisi dei tipi di incontri possibili.
  3. Procurarsi una moglie: qua si vanno ad analizzare tutti gli aspetti utili ad un uomo per trovare moglie. Si parte dunque dal corteggiamento e di come si può conquistare la fiducia di una donna. In questa sezione ci sono anche capitoli dedicati alle donne, nei quali ci sono suggerimenti per conquistare e assoggettare un uomo.
  4. Comportamento della moglie: alla nostra cultura forse questa sezione potrebbe interessare un po’ meno poiché tratta argomenti che riguardano il comportamento di una moglie nei confronti delle altre (dello stesso uomo) e come una donna virtuosa dovrebbe agire quando il marito è assente.
  5. Mogli degli altri uomini: in questa sezione si parla di più argomenti. Delle esigenze e caratteristiche di uomini e donne, ancora di come approcciare con una donna e sugli stati d’animo di quest’ultime. Infine si parla della passione che molti uomini nutrono nei confronti delle donne di altri.
  6. Cortigiane: un approfondimento su questa figura sia sotto il punto di vista “lavorativo” che personale.
  7. Come attrarre gli altri a sé: l’ultima sezione del kamasutra è una vera e propria guida sui modi per conquistare e attrarre gli altri a sé sia fisicamente che emotivamente.