Archivio della categoria: Fiere

Expobit 2010, nuovo aggregatore di esperienze e conoscenze professionali

Alla sua quindicesima edizione, Expobit, il Salone Euromediterraneo dell’innovazione tecnologica – in mostra fino a domani, 21 novembre, presso il centro culturale Le Ciminiere di Catania – ha cambiato format: non una semplice fiera, ma una piattaforma di networking. Un’occasione imperdibile di relazione, aggiornamento professionale e condivisione, resa possibile grazie a una nuova formula che, quest’anno, ha visto l’alternarsi di workshop, seminari e convegni, attirando l’attenzione di aziende, manager IT, business manager, funzionari delle pubbliche amministrazioni ma non solo. Giovani attratti dalle tecnologie, utenti di ogni età e interesse, professionisti e non. Tra i momenti di approfondimento che si sono svolti in questi giorni, la “Gestione Documentale e l’Archiviazione sostitutiva per un ufficio più efficiente e leggero” sono stati i temi al centro del convegno organizzato dall’ Associazione Ingegneri Industriali e dell’Informazione con la collaborazione di AC2 srl: l’importanza della dematerializzazione dal cartaceo per migliorare l’efficienza dei processi aziendali con l’uso della gestione informatizzata dei documenti e l’archiviazione sostitutiva. Il modo più sicuro per coniugare economicità, ottimizzazione dei servizi, trasparenza e risparmio di tempi sia per le aziende private sia per gli enti pubblici. Per quanto riguarda l’area dedicata alla Sanità, durante il convegno dal titolo “Uno sguardo al futuro della sanità: la gestione informatizzata del processo clinico”, sono state presentate le maggiori novità tecnologiche nel settore sanitario. Giorgio Moretti, presidente di Dedalus, società che si occupa della programmazione di “software for healtcare”, ha evidenziato la necessità di condivisione del dato clinico sul territorio e, quindi, di realizzazione di meccanismi interoperanti, capaci di creare “reti di patologia” tra medici di famiglia e strutture mediche ospedaliere di media e forte specializzazione, finalizzate a garantire la continuità della cura. Grande spazio ai Percorsi innovativi con il convegno svoltosi ieri, 19 novembre, “Innovazione and Entrepreneurship”. Protagonisti, alcuni giovani universitari catanesi. Dalla facoltà di Economia, infatti, progetti innovativi elaborati durante il corso tenuto dalla professoressa Elita Schillaci. Tra i più interessanti quello di aprire uno space cafè in un negozio di arredamento, al fine di creare più occasioni di acquisto. Un’occasione importante per valorizzare le idee innovative, con un concetto chiave da applicare: “glocalizzazione” intesa come rafforzamento dell’identità locale in un contesto internazionale. A chiudere la giornata di oggi, il convegno “Energia in Sicilia: possibilità di sviluppo nell’area del Mediterraneo”, organizzato da Interproject. Attenzione anche per lo smaltimento dei rifiuti. Secondo il primo ricercatore del Cnr di Roma, Ennio Italico Noviello, i “rifiuti vanno smaltiti grazie alle nuove tecnologie che inglobano e rendono inerti le sostanze pericolose”. Secondo Giuseppe Scaturro, project manager del progetto Sunny Car in a Sunny Region, si possono ottenere grossi risultati per promuovere un sistema di viabilità alternativo. Domani, a conclusione della quindicesima edizione del Salone Euromediterraneo dell’innovazione tecnologica, l’ultimo incontro è alle ore 10, presso la Sala Polifemo de Le Ciminiere, con “ICT: le vie dell’internazionalizzazione. Percorsi per l’export siciliano”. Interverranno: Paolo Di Marco, Direttore responsabile Area Sud Italia Simest, Lorenzo Papi, Segretario tecnico Federexport Italia, Jalel Tebib, Direttore per la promozione dei settori tecnologia evoluta FIPA – Tunisia, Faouzi Zaghbib, President Federazione Nazionale di TIC, UTICA – Tunisia, Moncef Aissoui, Direttore Sviluppo Tecnologico APII – Tunisia, Feruccio Bellicini, segretario generale Camera Tuniso –italiana di Commercio e industria, Marco Belluardo, Presidente Sviluppo Italia Sicilia.
Concluderanno il dibattito, il Sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, Giuseppe Reina, Sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti del Ministero Infrastrutture e Trasporti, Adolfo Urso, Viceministro allo Sviluppo Economico, Raffaele Lombardo, Presidente Regione Sicilia.

Pisa Book Festival: le novità dei primi due giorni

E’ un viaggio davvero infinito fra tutte le culture del mondo e gli scrittori più amati e conosciuti di ogni angolo della terra. Dalla letteratura alla saggistica, dalle graphic novel alle edizioni d’avanguardia, i 170 editori indipendenti presentano il più esaustivo dei panorami culturali e letterari al Pisa Book Festival e al Pisa Book Junior.
Fra le migliaia di titoli presenti, novità e classici, rarità, curiosità, pubblicazioni cult e saggi ecco cosa veramente non mancare nella grande kermesse che rende omaggio quest’anno al Portogallo e agli autori lusofoni.
Grande affluenza nei primi due giorni del festival, incontri con autori e conferenze affollatissime attestano il Festival sulla scia di un sempre più consolidato successo di pubblico.

Dal Sud del mondo l’Editrice Missionaria Italiana (EMI), attraverso le parole di Giuliana Torresani, presenta un ampio catalogo di edizioni rivolte al filone interculturale del dialogo fra le religioni, i nuovi stili di vita, i consumi critici e l’impegno sociale. Fra i titoli maggiormente significativi: Elogio dello Spre.co di Andrea Segrè, e Non ci sono ingorghi nel deserto di Moussa Ag Assarid, cronaca di un Tuareg nel suo viaggio in europa. Il Lit Centrum Slovacchia è presente al Pisa Book Festival con gli autori Dušek Dusan, già tradotto in italiano, Pavel Vilikovsky e Samko Tale. Il Portogallo è paese ospite e si presenta con uno stand istituzionale, ma non mancano gli editori come EDIZIONI DELL’UROGALLO, diretta da Marco Buccioni, che agli autori lusofoni dedica buona parte delle proprie produzioni: molte le novità, di José Eduardo Agualusa, Un estraneo a Goa e Borges all’inferno e altri racconti, di João Melo, L’uomo dallo stecchino in bocca e di Lídia Jorge, La strumentalina. L’ASSOCIAZIONE EDITORI UMBRI con ben 24 case editrici consorziate presenta molti e interessanti titoli sull’arte, sulla storia e sulle tradizioni.
Sul fronte Cuba, la conferma che Fidel dai propri autori e intellettuali non è più veramente amato, si evince dai volumi di A. Torreguitart Ruiz, Il canto di Natale di Fidel Castro e Adios Fidel e dalla biografia a firma di Gordiano Lupi, Per conoscere Yoani Sanchez la “rivoluzionaria” contemporanea, i volumi sono presentati da IL FOGLIO LETTERARIO, Associazione culturale che ha come missione di valorizzare i giovani autori under 30, fra le novità il thriller Pater noster e, freschissimo di stampa Quando ci sono dei ragazzi in un casolare in vacanza è molto probabile che si tratti di un film horror di serie z di Vincenzo Trama. La LIBRERIA EDITRICE FIORENTINA si dedica alle tradizioni, culture e storie antiche della Toscana con la singolare collana di Scudi e Mezzi scudi, testi recuperati e dimenticati i cui titoli parlano da soli: I Diavoli, Proverbi delle donne, Con poco o nulla, Roncole e pennati, Il levistico, Il cavolo nero, La nepitella, Ricette di dolci tradizionali toscani. Editrice autorevole, SANTI QUARANTA, diretta da Ferruccio Mazzariol, presenta capolavori quali Manovre di Amedeo Giacomini, fra i più grandi scrittori del Novecento italiano, Infanzia sul Baltico di Theodor Fontane, fiore all’occhiello della casa editrice, seguono Václav Havel con Lettere a Olga, tradotto in tutte le lingue del mondo e la grande scrittrice Silvye Germain, con La sconosciuta di Praga; fra gli italiani Antonio Russello, L’isola innocente, narratore considerato il più grande dopo Tomasi di Lampedusa. La GIUNTINA nata nel 1980 e diretta da Daniel Vogelmann è una casa editrice ebraica con un’interessante selezione di testi sul fronte religioso e culturale: fra le novità, Elie Wiesel, La notte e Personaggi biblici attraverso il Midrash, per la narrativa contemporanea, Lizzie Doron, con Giornate tranquille, Yehoshua Kenaz, Ripristinando antichi amori, Sami Michael, Una tromba nello uadi, Yaniv Iczkovits, con Batticuore appena uscito e Daniel Vogelmann, Le mie migliori barzellette ebraiche.
Percorrendo la fiera si incontra OBARRAO EDIZIONI, la casa editrice che è un vero ponte interculturale fra Occidente e Oriente, impegnata con interessanti pubblicazioni saggistiche e letterarie dei paesi del Sud-Est asiatico su Geopolitica, Economia, Filosofia e Letteratura, fra le novità assolute Emanuela Giordana, Diario da Kabul, l’incredibile biografia del leader della Corea del nord L’adorato Kim Chŏng-il, Paolo Ferrari, In-morte assente, romanzo metafisico per un mondo che ha bisogno di acquisire più astrazione e di N. Huy Thiêp, Soffi di vento sul Vietnam.
Da PACINI EDITORE, l’interessante collana La storia illustrata ,fra cui spiccano la Firenze raccontata da Franco Cardini e Pisa ad opera di Ottavio Banti. L’editore QUODLIBET nasce nel 1993 come casa editrice dedicata alla filosofia, agli scrittori contemporanei emergenti, all’arte e all’architettura, porta in fiera, fra glia altri, Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia e nei Quaderni Quod. Matteo Ricci, il Dell’amicizia.
Il CONSORZIO P.E.R. I LIBRI nato alla fine del 2005, riunisce ben 50 editori indipendenti, fra questi di POIESIS EDITRICE le scelte sono cadute sull’iracheno Jabbar Yassin Hussin con Addio bambino e sullo yemenita Wajidi al-Ahdal, Un asino in mezzo ai suoni; di JOUVENCE, sempre sul fronte della narrativa araba contemporanea a cura di M. Avino e I. Camera d’Afflitto, Perle dello Yemen e l’autore egiziano Magid Tobiya con Odissea nel paese del Nilo; da BESA, invece, un omaggio al Portogallo con Vergílio Ferreira, Fado corrido e altri racconti e del più grande scrittore cubano del novecento Alejo Carpentier, Ufficio di tenebre.
Gli autori europei contemporanei caratterizzano le edizioni di VOLAND, ricercatissime le novità: Philippe Djian, 37° 2 al mattino, da cui è tratto il film Betty Blue (1986) e l’amatissima Amélie Nothomb, con il nuovo Il viaggio d’inverno, e non manca dell’autrice il best seller Stupore e tremori; Voland ha aperto un fronte anche sugli autori di lingua spagnola, presenta in questa sezione un titolo notevole: José Ovejero Non succede mai niente. Dall’Europa ancora una selezione di autori scandinavi e olandesi, la singolare linea editoriale di IPERBOREA, l’Editrice milanese diretta da Emilia Lodigiani che presenta interessantissimi titoli fra cui Per Olov Enquist (svedese), Il medico di corte, l’autore è ritenuto la coscienza critica della Svezia, Cees Nooteboom (olandese), Il canto dell’essere e dell’apparire, Arto Paasilinna (umorista finlandese) con L’anno della lepre (best long seller), Kader Abdolah (iraniano-olandese ritenuto fra i più grande scrittore in Olanda) con Scrittura cuneiforme.
In un unico stand con la direzione della brava libraia pisana Veronica Bellomini si presentano gli editori NOTTETEMPO, e la novità di Gabriela Adameşteanu, L’incontro; MINIMUM FAX con Girolamo De Michele, La scuola è di tutti; MARCOS Y MARCOS con Maria Barbal, Come una pietra che rotola e INSTAR LIBRI con Enrico Pandiani, Troppo piombo. LEONE EDITORE presenta l’avvincente thriller di Roberto Ciai e Marco Lazzeri, L’ombra dell’inquisitore, nuovissimo, ma già un successo in ristampa. STAMPA ALTERNATIVA / NUOVI EQUILIBRI ha un ricco catalogo di arte, storia e grandi autori fra cui: Oscar Wilde, Marc Twain e André Gide.
Fantasy, Fantarcheologia, Steampunk (romanzi ambientati nel futuro con macchine e costumi del passato, genere di nicchia molto amato nei paesi anglosassoni) si trovano da LINEE INFINITE che presenta per Pisa un’interessante novità di Sergio Costanzo, Io busketo, il romanzo su Sahl, l’architetto costruttore della cattedrale di Pisa. Gialli, noir, thriller, biografie romanzate e immaginarie di città, luoghi e personaggi in chiave narrativa molto contemporanea si trovano da GRUPPO PERDISA EDITORE.
Non manca l’attenzione dei piccoli editori sui tempi importanti della cultura come la musica e il teatro. AUDITORIUM EDIZIONI indirizza le sue pubblicazioni, ricercatissime dai veri appassionati della musica jazz e contemporanea, presentando tre titoli su tutti, introvabili altrove: la novità a cura di Claudio Chianura, Il libro della voce e i saggi su William Parker e Robert Wyatt. CORVINO MEDA EDITORE realizza libri in abbinamento a CD o DVD ed è al Pisa Book Festival con due eventi importanti: Vincenzo Cerami, Italia mia, Filippo Vendemmiati, È stato morto un ragazzo. TITIVILLUS EDIZIONI dedica, invece, la sua produzione al Teatro contemporaneo e la missione è far conoscere gli autori le compagnie e la drammaturgia contemporanea italiana e francese, con un’interessante collana di saggistica; i nuovi titoli: Cèsar Brie, L’Iliade del Teatro de los Andes, Marco Balliani, Ho cavalcato in groppa a una sedia.
Da GIOVANE HOLDEN EDITORI un’altra novità noir, La notte delle streghe & dei vampiri. Spiccano nello stand delle EDIZIONI ETS: di Edda Bresciani, I vestiti del Faraone e in tema con il paese ospite di quest’anno a cura di Valeria Tocco, L’Oriente nella lingua e nella letteratura portoghese. Nella Collana Logìa di ANNULLI EDITORI è da vedere la serie di Viaggio nella civiltà contadina. TUNUÈ. EDITORI DELL’IMMAGINARIO si presenta con una linea editoriale specifica, i Graphic Novel, romanzi a fumetti, storie a metà fra immaginario e sogno, moltissimi i titoli, da citare sicuramente Rughe dello spagnolo Paco Roca che ha ricevuto ben 5 premi nazionali e internazionali come miglior libro a fumetti e per le sue valenze, tratta il delicatissimo tema della battaglia contro la vecchiaia, è stato adottato dall’Associazione Italiana Malattia di Alzheimer. Ancora Graphic Novel con ROUND ROBIN EDITRICE , di Pippo Fava, Lo spirito di un giornale, vincitore del premio Giancarlo Siani 2010.
Dall’editrice SCUOLA OMERO che esordisce nel 1988 con una collana Fantareale, dedicata alla narrativa fantastica segnala l’ultimo titolo appena uscito, Amore e sesso fantareale, raccolta dei migliori racconti brevi che gli utenti hanno postato sul blog della scuola. Ancora sul fronte fumetto B&M BOOKS AND MAGAZINE è specializzata nel fumetto erotico e sexy-glamour, il cui autore di punta è il francese Arthur de Pins che, con la collana umoristica sexy Il chiodo fisso, ha ottenuto un enorme successo in Francia. Il viaggio come tema narrativo è la caratteristica dei volumi di CARAVAN EDIZIONI, che a Pisa ha portato di Daniele Comberati, La quarta sponda. Diario di viaggio in chiave narrativa del tutto nuovo è il Cuore a piedi di Alessandro Bassini di MIRAGGI EDIZIONI la cui collana editoriale è proprio la rivisitazione del diario di viaggio. Della casa editrice GRUPPO ALBATROS IL FILO in primo piano gli autori lusofoni con le loro ultime uscite: José Luandino Vieira, Di fiumi anziani e guerriglieri; Manuel Alegre, Jornada de Africa; Manuel Lopes, I flagellati del vento dell’est. Mentre l’AEDA – ASSOCIAZIONE EDITORI AUDIOLIBRI, presenti per la prima volta insieme al Pisa Book Festival in un unico stand offrono la maggior parte della produzione letteraria presente sul mercato editoriale italiano in audio: il titolo novità è l’opera di Gianluca Favetto, I nomi fanno il mondo. Sul fronte della storia DELLA PORTA EDITORE è una presenza fondamentale dello storico italiano Ettore Cinnella, nella Collana Saggi: Ettore Cinnella, La vera rivoluzione russa; nella Collana Interviste: Emilio Gabba. Conversazione sulla storia, a cura di Umberto Laffi; nella Collana Vite: Luciano Marrocu, Orwell. La solitudine di uno scrittore; la novità assoluta Ettore Cinnella, Carmine Crocco. Un brigante nella grande storia.

Questo il Gran Tour fra i libri e gli editori indipendenti del Pisa Book Festival uno scrigno ricchissimo di sapere. Ma i visitatori potranno e sapranno, certamente, trovare fra le migliaia di titoli proposti, i volumi che possono soddisfare ogni loro interesse e curiosità.

Pisa, Palazzo dei Congressi e Stazione Leopolda

www.pisabookfestival.com